La giornata del ricordo

“La tragedia delle foibe e la triste storia dell’esodo di migliaia di italiani che dopo la seconda guerra mondiale furono costretti a lasciare le proprie terre della Venezia Giulia, Istria e Dalmazia, è una ferita ancora aperta che ha lasciato segni tangibili su tutto il territorio nazionale finanche nella nostra San Vito – è quanto dichiara Luciano Cavaliere, consigliere comunale delegato allo sport di Fratelli d’Italia. Con l’esodo Istriano, intere comunità approdarono a Brindisi e alcuni fra loro, fecero di San Vito la loro città tanto da viverci ancora oggi. A distanza di 75 anni con l’amministrazione comunale, abbiamo deciso di consegnare alla memoria dei nostri concittadini, un altro pezzo di storia, quello di quattro giovani “Giuliani” che attraverso lo sport, e in particolar modo il calcio, riscattarono la propria sofferenza indossando la maglia dell’u.s. San Vito e riscuotendo domenica dopo domenica, tanto affetto da parte dei Sanvitesi. È la storia di Rodolfo Decleva, Argeo Monti, Livio Rimbaldo e Mario Uxa, che tra le altre cose, contribuirono ad una stagione sportiva memorabile, quella del 1948/49,  che portò alla vittoria del campionato.



Domenica 11 febbraio, alle ore 15.00, presso il Campo Sportivo “E. M. Citiolo” scopriremo una targa proprio in loro memoria.”

“La città di San Vito dei Normanni, città che ha saputo sempre aprire le porte del proprio cuore a chiunque avesse (e abbia tutt’ora) bisogno, ha nel proprio dna il valore dell’accoglienza – lo dichiara il Sindaco, Silvana Errico. Sono orgogliosa di poter riportare ai miei concittadini questo pezzo di storia, una storia nota a pochi ma che con questo gesto diverrà patrimonio dell’intera comunità. La sofferenza e tristezza di migliaia di persone, costrette a lasciare i propri affetti e in alcuni casi anche i propri cari, venne riscattata dall’accoglienza e dal rispetto che San Vito rivolse ai suoi “Giuliani”, così li chiamavano, e loro ripagarono sul campo con tante soddisfazioni sportive.”

Comunicato stampa


Condividilo sui social