Il tiro del MerGOLedì

Il forte maltempo di domenica scorsa è stato il protagonista assoluto dei tornei dilettantistici pugliesi, con alcune gare rinviate e/o sospese a causa dei tanti nubifragi che hanno spazzato in lungo e in largo la Puglia. Ne ha fatto le spese soprattutto il nostro girone (B) del campionato di Prima Categoria, con ben tre incontri su sette interrotti per sopraggiunta impraticabilità del terreno di gioco. Oltre al match dei biancoverdi a Noicattaro, Grottaglie – Carovigno (erano sull’1-1) e Pezze di Greco – Triggiano (sul risultato di 0-1) dovranno tornare a giocare, riprendendo le gare praticamente a partire dal primo minuto del secondo tempo.



Ne scaturisce che tra riposi programmati e incontri non terminati, la fisionomia della classifica non può ritenersi pienamente attendibile.

Tra le quattro partite terminate regolarmente, da segnalare l’1 a 2 del Santeramo (16 punti) a Mottola (4 punti), grazie ai quali i baresi raggiungono al secondo posto il Grottaglie, ad un soffio dal riposante Latiano (17 punti). Si ferma l’Ideale Bari (15 punti), sconfitto per 2-1 a Crispiano (6 punti); così come il Sannicandro (11 punti), superato per 3 a 2 a Castellana (10 punti).
Sempre a 10 punti, il Noci raggiunge il G.C Taranto vincendo in casa per 2-1 contro i tarantini.

Nel vero e proprio gruppone a 10 punti c’è anche l’Us San Vito. I ragazzi di Monna dovranno tornare a Noicattaro (nel giorno che sarà stabilito dagli organi federali competenti) per disputare gli ultimi dieci minuti più recupero, di una gara dominata e sfortunata. Abbiamo già riferito della bella prestazione dei biancoverdi, almeno finché si è potuta disputare una parvenza di partita! La rete realizzata dai padroni di casa nell’unica opportunità, peraltro fortuita, è avvenuta quando le condizioni, sia atmosferiche che del terreno di gioco, erano da tempo impossibili. È inutile recriminare sul ritardo con cui l’arbitro ha deciso di sospendere l’incontro…

Quando si recupererà bisognerà dare, comunque, il massimo per tentare di raddrizzare l’ennesima gara sfortunata.


Condividilo sui social